mercoledì 29 dicembre 2010

Proprio nient'altro da fare?

 




In un post del luglio scorso vi avevo proposto le versioni italiane dei nomi di un'ottantina di gruppi rock e pop inglesi e americani. Oggi, nella noia di fine anno, ecco una quarantina abbondante di nomi e cognomi di personalità americane tradotti nella lingua di Dante, Petrarca e Sandro Bondi. A scanso di equivoci, ricordo che Jack non è il diminutivo di James, bensì di John. 
A fondo pagina le soluzioni, ovviamente in rigoroso disordine.
Eppiniùiar!


Roberto Guadorosso
Paolo Uomonuovo
Giulia Di Roberto
Tommaso Crocera
Gianni Limone
Tommaso Di Goffredo
Giovanni Vagone
Rita Valepaglia
Caterina Tornitore
Samuele Riempitore
Gianni Di Nicola
Giovanni Falegname
Demetria Mora
Tommaso Matasse
Elena Caccia
Alice Chiavi
Giuliana Borgodargilla
Elisabetta Sarto
Oliviero Sasso
Emilia Enoteca
Michele Di Gianni
Guglielmino Fabbro
Giacomo Marrone
Luigi Fortebraccio
Stefano Re
Carletto Marrone
Venere Guglielmi
Giovanna Fonda
Riccardo Ciambellano
Rossella Di Giovanni
Atrio Bacca
Sandra Manzo
Orsetto Pozzi
Paolo Simone
Gianni Londra
Robertino Speranza
Giacomo Inserviente
Edoardo G. Di Roberto
Ulisse Sovvenzione
Giorgio Cespuglio
Arturo Mugnaio
Rachele Gallese
Goffredino Fiordoro
Giacomino Carrettiere
Natalia Portuario

Soluzioni:
Kathleen Turner, James Stewart, Thomas Jefferson, Richard Chamberlain, Rita Hayworth, Michael Jackson, Tom Cruise, George Bush, Jack Lemmon,, Jimmy Carter, James Brown, Helen Hunt, Jack Nicholson, Alicia Keys, John Wayne, Nathalie Portman, Arthur Miller, Will Smith, Oliver Stone, Julia Roberts, Orson Welles, Ulysses Grant, Robert Redford, Demi Moore, Jyll Clayburgh, Jeff Goldblum, Elizabeth Taylor, Charlie Brown, Amy Winehouse, Sandra Bullock, Rachel Welch, Venus Williams, John Carpenter, Paul Newman, Stephen King, Bob Hope, Scarlett Johansonn, Tom Hanks, Samuel Fuller, Edward G. Robinson, Louis Armstrong, Jack London, Halle Berry, Jane Fonda, Paul Simon

lunedì 27 dicembre 2010

Un nuovo virus

Guardiano Credenza, Guglielmo Cancelli, Teodoro Tornitore
Michele Cittadelfiore, Lorenzo D'Elia, Giorgio Luchi

I giornali, le radio, le televisioni ne parlano poco. I governi sono impreparati. Le multinazionali cercano di minimizzare il fenomeno. Ma è tutto inutile. Dobbiamo rassegnarci: un nuovo virus, estremamente pericoloso, sta provocando gravi danni negli Stati Uniti e rischia da un momento all'altro di espandersi nel mondo.
Il virus colpisce uomini e donne di ogni età e di ogni origine etnica, geografica, confessionale e sociale. Il vettore di trasmissione che appare per ora, in questa fase ancora incerta della ricerca, come più probabile  è un conto in banca di notevoli dimensioni. I miliardari del mondo tremano, i loro figli e nipoti parlano ormai apertamente di parricidio e nonnicidio. La tensione è palpabile da Manhattan a Hong Kong, dai Parioli a Chelsea, da Porto Rotondo a Miami. Solo Arcore sembra serena.
Pare ormai accertato che i primi contagiati siano stati gli sposi Guglielmo e Melissa Cancelli, che avrebbero a loro volta contagiato tale Guardiano Credenza. I pochi giornali americani che hanno parlato della cosa hanno voluto celare le vere identità dei contagiati dando dei loro nomi una strampalata traduzione inglese (Bill e Melinda Gates, Warren Buffet).
Cos'hanno fatto questi signori? Hanno deciso di buttar via i loro soldi! Basti pensare che Mister Credenza è andato fino a sostenere che mentre alcune cose materiali gli rendono la vita più gradevole, “avere una mezza dozzina di case sarebbe solo un peso.” E come hanno deciso di buttarli via i loro soldi? Creando The Giving Pledge, che sarebbe poi un'iniziativa destinata a propagare il contagio. Leggo sul sito http://givingpledge.org/ che “The Giving Pledge è uno sforzo per invitare i più ricchi individui e le più ricche famiglie d'America a impegnarsi per far dono della maggior parte delle loro ricchezze a cause filantropiche e organizzazioni umanitarie di loro scelta, o nel corso della loro vita, oppure dopo la loro morte. Ogni persona che sceglierà di promettere lo farà pubblicamente, attraverso una lettera che spieghi la sua decisione. Una volta all'anno quelli che avranno promesso si riuniranno per mettere in comune le loro idee e imparare gli uni dagli altri.
Quel che sembra veramente pericoloso qui è quella nozione di “far dono della maggior parte delle loro ricchezze.” Non si tratta più di spiccioli, ma di un minimo del 50%! Per fortuna solo 15 dei 100 più ricchi americani risultano per ora infettati. Gli altri pare che si rileggano ogni sera, come cura preventiva, quel passaggio di un discorso nel quale il nostro Amato Leader sosteneva che quando un cittadino si sente troppo tassato è in diritto di non pagare le tasse.
Purtroppo però la panriccodemia non si ferma. Il morbo muta e non esita ormai più a colpire anche persone che sono ricche solo per modo di dire. Basti pensare a tale Thomas Secunda, uomo d'affari dal misero reddito di un solo piccolo e striminzito miliardo di dollari (che sarebbe a dire un undicesimo di quello di cui dispone il nostro Virile Duce) che si è impeganto pure lui a buttare i soldi dalle finestre.
Le lettere d'impegno di questi signori sono imbarazzanti e non possono che suscitare compassione e pietà. Da un punto di vista puramente scientifico contengono però informazioni preziose sui sintomi più evidenti del morbo. Sidney Kimmel per esempio, noto produttore cinematografico, scrive che “spartire con gli altri è la cosa giusta da fare”; Ted Turner, fondatore della CNN, ammette senza vergogna che non misura “il successo in cifre”; T. Boone Pickens, finanziere texano, dopo aver spiegato che gli piace far soldi, confessa che “gli piace darli via”; e questo è niente rispetto a ciò che dichiara un altro finanziere, Peter G. Peterson: “A dire il vero oggi ho molta più soddisfazione nel dare i miei soldi a cause che considero meritevoli che a far soldi per me”.
Lo so: la lettura di queste folli affermazioni non può che provocare sgomento, ira e tachicardia in tutti noi. Ecco perché invito i più deboli dei miei affezionati lettori a chiudere qui il computer e a non cercare in alcun modo di leggere le parole del miliardario sindaco di New York, Michael Bloomberg: “Se vuoi fare qualcosa per i tuoi figli e dimostrar loro quanto li ami, la cosa di gran lunga migliore che puoi fare è aiutare quelle organizzazioni che creeranno un mondo migliore per loro e per i loro figli.” (In caso di lettura involontaria, sintonizzarsi immediatamente su Rete 4 per almeno un'ora).
Io stesso esito al momento di riprodurre qui le parole del povero David M. Rubenstein, il cui livello di contagio appare ormai disperato: “Nella misura in cui individui che dispongono di notevoli risorse si impegnano pubblicamente a far dono di almeno la metà delle loro fortune, è possibile che altre persone molto ricche nel nostro paese si sentano ispirate a fare la stessa cosa. Questo costituirebbe uno sviluppo positivo, in particolare qualora quelle persone non avessero mai pensato prima ad offrire quella quantità di denaro.”
Inutile far finta di niente: la situazione, più che grave, sembra disperata.
Invito tutti, dopo aver acceso un cero sotto una statua, una foto, un disegno o un'immaginetta di San Silvio, a darsi da fare nel suo quartiere per organizzare un pellegrinaggio votivo ad Arcore, località Villa San Martino.
Oddio: ma San Martino non è quello che ha dato il suo mantello a un povero? Aiutoooo!

(Nella foto: Warren Buffet, Bill Gates, Ted Turner, Michael Bloomberg, Larry Elison, George Lucas)

sabato 25 dicembre 2010

È Natale

 Santa Coca-Cola

È Natale. Sì, sì, è proprio Natale, è il 25 dicembre e io sono qui in casa con tosse, febbre e gambe molli. Di là c'è mia moglie senza tosse, ma con febbre e dolori alle mani. In famiglia ci piace fare le cose ognuno a modo suo.
È Natale, dicevo, e come ogni anno da vari giorni tutti i media occidentali trasudano bontà. In realtà il Natale va ormai molto al di là dell'Occidente. Non importa che si accordi più o meno credito alla superstizione cristiana, ciò che conta è avere fede nel più grande avvenimento commerciale dell'anno e nella sua influenza positiva sui consumi. Stamattina, sfogliando i giornali su internet, ho visto un pulitore di vetri vestito da Babbo Natale appeso all'esterno di un grattacielo di Tokio, un Babbo Natale subacqueo a Seul, un Babbo Natale surfista a Bali, una parata di Babbi Natale a Tsingtao, nella provincia cinese dello Shinan, tre Babbi Natale a cavallo di elefanti in Tailandia, un Babbo Natale benzinaio in Indonesia e quattro Babbi Natale che distribuivano cipolle gratis ad Amritsar, capitale del Punjab indiano.
Poco fa, facendo colazione, mi sono venute in mente due o tre cose che possono sembrare disordinate ma poi non lo sono tanto.
Prima cosa:
sto rileggendo, molti anni dopo, un romanzo di Somerset Maugham, Sul filo del rasoio, che mi aveva molto colpito in gioventù — non dovevo avere più di diciassette anni alla prima lettura. Verso un terzo del romanzo uno dei personaggi, un banchiere di Wall Street, si suicida poco dopo la crisi del 1929, incapace di sopportare il disonore di aver tragicamente deluso la fiducia di tutti coloro che gli avevano affidato i loro risparmi. Altri tempi...
Seconda cosa:
Stamattina alla radio francese ho distrattamente sentito un'intervista del direttore del rally che continua a chiamarsi Dakar nonostante tra qualche giorno parta da Buenos Aires per concludersi sembre a Buenos Aires due settimane dopo. Il direttore spiegava che siccome il “Dakar” consuma energia, 1) il consumo era stato calcolato, 2) ne era stato calcolato il prezzo e 3) una somma equivalente sarà versata in beneficienza a un'associazione sud-americana. Cioè: faccio assolutamente quel che voglio fregandomene di tutto e di tutti, ma siccome ho un sacco di soldi sono disposto a comprarmi, letteralmente comprarmi una patente di “buono” facendo un po' di beneficienza.
Terza cosa:
l'altro giorno guardavo il David Letterman Show. Naturalmente si parlava di Natale. C'era una donna, rappresentante di non so più quale gruppo di giocattoli, che faceva vedere alcune delle novità del 2011. Davanti a una specie di mostruoso dinosauro a pile che muoveva la testa, ruggiva e mordeva, Letterman dice alla signora: “Si sa che i giocattoli dovrebbero stimolare la creatività dei bambini. Questo giocattolo la stimola?” Risposta leggermente imbarazzata: “No”. Letterman riprende: “Lei ha figli?” “Sì, uno di tre anni e uno di sei.” “ E questo giocattolo glielo comprerebbe?” “Oh, sì, certo.” Senso del dovere professionale o semplice stupidità?
Quarta cosa:
mi ricordo di aver visto un Babbo Natale a Stellenbosch, vicino a Città del Capo, che se ne stava davanti a un supermercato e distribuiva volantini a tutti quelli che entravano. Mi ricordo anche di aver visto alberi di Natale, angeli svolazzanti e Babbi Natale in un centro commerciale di Singapore. Non dimenticherò poi mai la visita alla “casa di Babbo Natale” e centro commerciale annesso a Rovaniemi, capitale della Lapponia finlandese. (Giuro che ero lì come invitato...)
Tornando al romanzo di Maugham, mi è chiaro rileggendolo adesso che quello che mi aveva colpito più di quarant'anni fa era il personaggio di Larry, un giovane di Chicago che, traumatizzato da due anni al fronte durante la Prima Guerra Mondiale, gira le spalle a un futuro brillante per andarsene in giro per il mondo (per l'India in particolare) a cercare il senso delle cose. Devo dire che ancora oggi, nonostante il lato estremamente dandy del romanzo, il personaggio di Larry mi piace. E non a caso ne scrivo il giorno di Natale, che più di ogni altro rappresenta l'ipocrisia, la mancanza di pudore e l'arroganza di questo mondo impazzito. Oggi più che mai voltargli le spalle, smetterla di prenderlo in considerazione come se fosse qualcosa di serio, vivere il più possibile al di fuori dalle sue logiche mortifere mi pare l'unica soluzione ragionevole.
Ho parlato di fede nel più grande avvenimento commerciale dell'anno. Fede, sì. Accompagnata dall'ancora più nobile fede nella libertà d'impresa e di commercio, da quella nello sviluppo e nel progresso portatori di giustizia e di pace, da quella nella fratellanza e nella generosità dei ricchi verso i poveri e da tutta una serie di altri avvilenti baggianate che sarebbe troppo lungo e tedioso elencare qui.
Buon anno.

domenica 19 dicembre 2010

Del Daspo

Il tastierista di Distretto 51

Stamattina ho imparato un altro acronimo: Daspo (che forse sarebbe meglio scrivere D.A.SPO., ovvero Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive). Questa degli acronimi è sempre una questione complicata. Ovviamente in questo caso DAMS sarebbe stato più logico, ma avrebbe forse creato confusione con un certo dipartimento dell'università di Bologna. Mi ricordo che in Francia quando nacque il raggruppamento dei comuni del circondario di Lione, (Communauté Urbaine de Lyon) si evitò l'imarazzante CUL a favore del più poetico COURLY.
Comunque sia, il tastierista Roberto Maroni propone ora che il Daspo sia applicato alle manifestazioni di strada. L'idea, brillante, è forse di ispirazione patafisica, visto che sembra una specie di omaggio al testo di Alfred Jarry intitolato La Passione considerata come corsa in salita. Non so, ma il fatto di equiparare le manifestazioni di strada a delle manifestazioni sportive è degno di nota.
Certo, mi direte, numerosi sport trovano nuove espressioni nel dissenso: la marcia e i cento metri, ovviamente, per le distanze percorse e per gli scatti improvvisi ; la lotta libera, in caso di scontri; il ciclomotorismo per l'uso di caschi; il curling e il lancio del peso, per l'occasionale lancio di pietre; l'aikido per l'utilizzo di bastoni.
Ma siamo proprio sicuri che le ragioni che spingono il nostro baffuto e rossocchialuto ministro all'allargamento del Daspo siano di tipo sportivo? Mmmmh...
In realtà si tratta di far fronte alla violenza, cosa sulla quale siamo tutti d'accordo. È d'accordo in particolare un altro eccellente ministro, il serafico Ignazio Benito Maria La Russa, di cui Il fatto quotidiano ha recentemente ricordato la partecipazione alla manifestazione milanese del 12 aprile 1973 durante la quale furono lanciate due bombe a mano che uccisero il poliziotto Antonio Marino. È d'accordo il fine dicitore Umberto Bossi, che nel 1993 dichiarò che “quando avremo perso tutto, quando ci avranno messo con le spalle al muro, resta il fatto che le pallottole costano 300 lire”. Insomma, siamo proprio tutti d'accordo.
Quindi W il Daspo! Pensandoci bene, questa sarebbe una soluzione anche per altri problemi. Le code sull'autostrada, per esempio: Daspo! Le spiagge romagnole troppo affollate: Daspo! Il palio di Siena: Daspo! Le messe a San Giovanni Rotondo: Daspo!
Sarebbero esonerati naturalmente il Parlamento, dove le risse restano autorizzate, le manifestazioni leghiste, dove alzare il dito medio al tricolore non costituisce reato, lo sgombero di campi Rom, che è uno sport non violento per antonomasia, e qualsiasi altro tipo di manifestazione pubblica tesa a sostenere l'operato delL'Unico Boss Virile (anagramma rivendicato dall'Amato Leader), dei suoi amici e degli amici dei suoi amici, che sono tanti.
Il geniale Maroni dichiarava due anni fa a VareseNews, quotidiano online della provincia di Varese, «in realtà questo (cioè tastierista del gruppo musicale Distretto 51, ndr) è il mio vero lavoro e a tempo perso faccio il ministro dell’Interno. Quindi riesco a conciliare benissimo le due cose». Conciliare, di sicuro. Benissimo? Mmmmh...
Resta il nodo della violenza e di quelle immagini degli scontri che facevano assomigliare Piazza del Popolo e i dintorni di Montecitorio a fotogrammi di qualche film sugli anni 70. Sarà per indole naturale, sarà per filosofia, sarà per un certo modo di vedere la vita, sarà per quello che volete, ma a me quel tipo di immagine non piace mai. Però mi chiedo: se Madre Natura, bontà sua, ha dotato anche il Maroni Roberto di qualche decina di miliardi di sinapsi in quel suo molle seppur padano encefalo, lo ha fatto per permettergli di riflettere sul perché delle cose o per fargli fare il ministro a tempo perso e sparare scemenze alla velocità di una Ferrari Testarossa del 1985? Mmmmh...

lunedì 13 dicembre 2010

Qualche cartina

Oggi qualche cartina. Ieri sera ho visto Report, probabilmente la più bella trasmissione di reportage visibile sulla Rai. Si parlava del PIL, quell'indice economico a cui tutti fanno riferimento e che non indica un realtà un bel niente al di fuori della disponibilità finanziaria di un paese. La cosa avrebbe forse un senso se quella disponibilità fosse ripartita in modo equo, ma visto che questo non è il caso — e che anzi lo è sempre di meno — l'indice del PIL serve solo a dare buona coscienza ai farabutti.
Nella trasmissione appariva ad un certo punto un rappresentante dell'associazione Sbilanciamoci! (http://www.sbilanciamoci.org). Sono andato a cercarmi il loro sito ed ecco alcune cartine interessanti nelle quali l'Italia appare geograficamente modificata in funzione dei dati scelti. Le cartine traducono visivamente l'indice QUARS, ovvero indice di Qualità dello Sviluppe Regionale. Per informazioni sui parametri impiegati potete riferirvi alla pagina http://www.sbilanciamoci.org/index.php?option=com_content&task=view&id=864
Per vedere meglio le cartine, potete andare a

Prima cartina, quella dell'ambiente.



Le regioni che sembrano avere un ambiente sano sono il Trentino, la Valle d'Aosta, l'Umbria e un po' meno la Toscana. Lombardia, Piemonte e Veneto fanno chiaramente schifo.
Seconda cartina, quella dei diritti di cittadinanza.



Anche qui Trentino, Val D'Aosta e Umbria stanno bene, insieme al Friuli e alla Sardegna. Pessime notizie invece per Campania, Toscana, Lazio, Emilia-Romagna.
Terza cartina, quelle delle pari opportunità.
Situazione sempre buona per Valle d'Aosta e Friuli, ma anche per Liguria, Toscana, EmiliaRomagna e l'Umbria. A schifio, come sempre, buona parte del sud e le isole.

Di cartine così ce ne sono altre cinque. Andate a vederle, sono molto interessanti. E guardatevi pure un po' del resto del sito, che fa bene alla salute, anche se piuttosto male al morale.

giovedì 9 dicembre 2010

Un bel discorso

Bernie Sanders

Tra tutti i cinquanta Stati americani quello che mi è più simpatico è il Vermont. Naturalmente lo è perché ci ho vissuto e perché ci vivono ancora molti amici miei, ma lo è anche politicamente, perché rappresenta un'altra America, più nascosta, alternativa, meno arrogante, più preocupata da problemi ambientali e sociali. Da sempre i rappresentanti e i senatori del Vermont sono “a sinistra”, espressione che metto tra virgolette perché essere a sinistra negli Stati Uniti non significa necessariamente assomigliare alla sinistra europea. Per fortuna, mi direte voi, e sono d'accordo.
Comunque sia, anche un senatore Repubblicano del Vermont è di solito molto, ma molto più progressista di un suo collega Democratico dell'Alabama o dell'Idaho.
Una mia amica ex-vermontese e ora newyorkese ha messo su Facebook il video di un discorso pronunciato recentemente al Senato dal senatore indipendente Bernie Sanders, ex sindaco di Burlington, che del Vermont è la città principale. Anche se il discorso è più lungo dei miei abituali post, ho voluto tradurlo e pubblicarlo perché mi sembra molto bello. Chi capisse l'inglese potrebbe magari andarselo a vedere direttamente su http://www.youtube.com/watch?v=H5OtB298fHY.

Ecco il discorso (che ho tradotto un po' in fretta...):

Signor Presidente, c'è una guerra in questo paese, e non mi riferisco alle guerre in Irak o in Afghanistan. Parlo della guerra portata avanti da alcuni dei più ricchi e potenti abitanti del nostro paese contro le famiglie dei lavoratori degli Stati Uniti d'America, contro la classe media che sta sparendo dal nostro paese.
La realtà è che molti miliardari americani sono sul piede di guerra. Vogliono di più, di più, di più. La loro avidità non ha limiti e a quanto pare non c'è da parte loro alcun riguardo per il paese o per il popolo se questi si mettono di traverso sul cammino dell'accumulo di ricchezze e di potere sempre più grandi.
Signor Presidente, nel 2007 l'1 per cento degli americani guadagnava il 23,5 per cento del reddito nazionale. Pare non fosse abbastanza. La percentuale dei guadagni di quell'1 per cento è triplicata dagli anni 70. Alla metà degli anni 70 l'1 per cento guadagnava circa l'8 per cento del reddito nazionale. Negli anni 80 quella percentuale è salita fino al 14 per cento. Alla fine degli anni 90 quell'1 per cento guadagnava il 19 per cento. E oggi, mentre la classe media sprofonda, quell'1 per cento guadagna il 23 per cento del reddito nazionale, cioè più di quel che guadagna la metà della popolazione. Oggi, se riuscite a crederci, un decimo di quell'1 per cento intasca 12 centesimi di ogni dollaro guadagnato in America.
Parliamo di molte cose nell'aula del Senato, ma in un modo o nell'altro ci dimentichiamo di parlare di chi vince in questo sistema economico e di chi perde. È molto chiaro a chiunque passi due minuti a studiare il problema che la gente in cima alla scala sta straordinariamente bene, e che al tempo stesso la classe media sprofonda e la povertà aumenta. Molti sono arrabbiati e si chiedono cosa stia succedendo ai loro guadagni, alle loro vite, alle vite dei loro figli.
Se riuscite a crederci, tra il 1980 e il 2008 l'80 per cento di tutti i nuovi redditi creati in questo paese è andato a quell'1 per cento — l'80 per cento di quei guadagni è andato all'1 per cento. Ecco perché la gente si fa domande e chiede: cosa sta succedendo? Perché lavoro di più e guadagno di meno? Perché mi preoccupo all'idea che i miei figli avranno un livello di vita più basso del mio? Dal 1980 al 2007 l'80 per cento dei nuovi redditi è andato a quell'1 per cento.
Oggi gli amministratori di Wall street, i mascalzoni di Wall street le cui azioni hanno dato come risultato la recessione nella quale ci troviamo, la gente le cui azioni illegali e sconsiderate hanno dato come risultato la perdita di un lavoro, di una casa e dei risparmi di milioni di americani, indovinate?... Dopo che li abbiamo salvati, quegli amministratori guadagnano più soldi di prima del salvataggio. E mentre la classe media sparisce e i ricchi diventano molto più ricchi gli Stati Uniti si ritrovano con la distribuzione di ricchezza più sbilanciata di tutti i grandi paesi del mondo.
Signor Presidente, quando andavamo a scuola leggevamo libri di testo che parlavano delle repubbliche bananiere dell'America Latina. Leggevamo libri su paesi nei quali un gruppetto di individui controllava la maggioranza dei redditi. Bene, indovinate?... Questo è esattamente quel che succede oggi negli Stati Uniti. E a quanto pare l'unica preoccupazione di alcuni dei ricchi più ricchi del nostro paese è accumulare sempre più soldi e sempre più potere. Non tutti i più i ricchi. Non tutti. Ci sono molti ricchi che capiscono e che sono fieri di essere americani, che capiscono quanto sia importante che stiamo bene tutti. E questo è un problema, il problema dell'avidità, al quale dobbiamo confrontarci.
Nel bel mezzo di questa crescita diseguale di guadagni e di ricchezze ci troviamo ora di fronte al problema di decidere cosa fare dei tagli delle tasse del 2001 e del 2003 dell'amministrazione Bush. E, se riuscite a crederci, c'è molta gente qui, molti dei miei colleghi Repubblicani, che dice: oh, sono tanto preoccupato dal nostro deficit record. Sono terribilmente preoccupato dai 13.700 miliardi di deficit pubblico. Sono terribilmente preoccupato dal debito che lasceremo in eredità ai nostri figli e nipoti. Ma, un momento: è molto importante che offriamo su un periodo di dieci anni una riduzione delle tasse di 700 miliardi al 2 per cento dei più ricchi. Oh, sì, siamo preoccupati dal deficit, ma siamo più preoccupati dal fatto che i milionari — gente che guadagna come minimo un milione di dollari all'anno — abbiano almeno 100.000 dollari all'anno di riduzione di tasse. Quindi abbiamo 13.700 miliardi di debito — in aumento — abbiamo le disuguaglianze che aumentano, eppure la prima priorità di molti colleghi Repubblicani è di assicurarsi che molti milionari e miliardari paghino meno tasse. Per me è assurdo.
Ma non si tratta solo dei tagli delle tasse sul reddito. Si tratta anche dei tagli delle tasse sul patrimonio. E siamo chiari: mentre alcuni dei miei colleghi vogliono eliminare completamente le tasse sul patrimonio — tasse che esistono dal 1916 — ogni centesimo di quei benefici andrà a un terzo di quell'1 per cento. Se facessimo ciò che alcuni dei miei amici vorrebbero, cioè eliminare completamente le tasse sul patrimonio, la cosa ci costerebbe mille miliardi su un periodo di dieci anni, soldi che andrebbero tutti in tasca all'1 per cento dei più ricchi.
Sono certo che tra poco i miei amici verranno a parlare dicendo che sono molto preoccupati dal deficit, però sapete cos'è più importante? Ridurre drasticamente le tasse dei più ricchi del nostro paese.
Signor Presidente, il problema delle tasse è solo una parte di ciò che i nostri amici più ricchi vorrebbero accadesse nel nostro paese. La realtà è che molta di questa gente vorrebbe riportare il paese indietro ai livelli del 1920, e così vogliono fare il possibile per eliminare ogni traccia di leggi che le famiglie hanno lottato con le unghie e coi denti per far adottare e per raggiungere un minimo di sviluppo e di stabilità nelle loro vite.
C'è gente là fuori — non sono tutti, ma sono molti — che vuole privatizzare o eliminare completamente l'assistenza sanitaria. Vogliono privatizzare o tagliare drasticamente la mutua. Sì, se hai 75 anni e non hai soldi, buona fortuna per trovare un'assicurazione sanitaria a un costo ragionevole da una compagnia privata! Sono sicuro che ci sono un sacco di compagnie di assicurazione che saranno felici di occuparsi dei senior poveri che lottano contro il cancro o contro altre malattie.
E poi ci sono amministratori e molti membri del Congresso che non vogliono solo continuare, ma vogliono sviluppare le nostre disastrose politiche commerciali. L'altro giorno sono andato a fare shopping con mia moglie, siamo andati a comperare i regali di Natale. Guardavamo e guardavamo e praticamente tutti i prodotti in vendita erano Cina, Cina, Cina. Sembra che siamo un paese con un cinquantunesimo stato chiamato Cina che produce praticamente tutto quello che consumiamo in America.
La nostra politica commerciale ha dato come risultato la perdita di milioni di impieghi mentre gli amministratori e i presidenti di consigli d'amministrazione dicevano: perché dovrei reinvestire in America quando posso andare in paesi dove gli operai sono pagati 50 o 75 centesimi all'ora? Ecco quel che farò, e al diavolo i lavoratori di questo paese. Quindi non solo ci siamo accollati una politica commerciale disastrosa, ma vogliamo espanderla.
Una cosa che vedremo succedere è che mentre ci dibattiamo contro un deficit nazionale mai visto prima, provocato dalle guerre in Irak e in Afghanistan, provocato dai tagli delle tasse dei ricchi, provocato da un programma di rimborso delle medicine non budgetizzato, provocato dal salvataggio di Wall street che ha aumentato il deficit, c'è gente che dirà: accidenti, ci sono tutte quelle spese e oltre tutto dobbiamo ridurre le tasse dei milionari e dei miliardari, però vogliamo equilibrare il bilancio. Mamma mia, come faremo?
Ovviamente sappiamo come faranno. Taglieranno le spese di assistenza sanitaria, taglieranno le spese della scuola, taglieranno le spese di assistenza ai bambini, taglieranno le borse di studio. Taglieranno i buoni pasto. Non abbiamo abbastanza soldi per le famiglie e le educatrici. Non aumenteremo certo i sussidi di disoccupazione. Abbiamo priorità più importanti, Signor Presidente: dobbiamo, dobbiamo, dobbiamo ridurre le tasse dei milionari. Dopo tutto, non è per questo che siamo qui? Loro sovvenzionano le nostre campagne elettorali, dobbiamo restituirgli ciò che gli è dovuto.
Straodinariamente gli amministratori di Wall street e le grandi istituzioni finanziarie vogliono ridurre o sopprimere i pochi investimenti — molto pochi — nelle leggi a venire. Io ho votato per la riforma finanziaria ma voglio dire chiaramente che questa non è andata da nessuna parte, è solo andata lontano a favore dei nostri amici di Wall street e alle loro lobby, che sono dappertutto. E in cambio delle centinaia di milioni di dollari che Wall street spende per le lobby, Wall street vuole ridurre o sopprimere le riforme.
Vogliono ridurre i poteri del ministero dell'ambiente e di quello dell'energia, così ExxonMobil potrà continuare ad essere la compagnia più lucrativa nella storia del mondo mentre le compagnie petrolifere e carbonifere continueranno a inquinare la nostra aria e la nostra acqua. L'anno scorso ExxonMobil ha guadagnato 19.000 milioni di dollari. Indovinate?... Ha pagato zero tasse. Ha avuto un rimborso di tasse di 156 milioni. Ma non è abbastanza. Dobbiamo tagliare ancora di più le tasse delle compagnie petrolifere.
Quindi ecco dove siamo. Dobbiamo ammetterlo. Siamo in guerra. La classe media lotta per sopravvivere e si scontra con alcune delle forze più facoltose e potenti del mondo, la cui avidità non ha limiti. E se non incominciamo ad alzarci in piedi per rappresentare quelle famiglie non ci sarà più una classe media in questo paese.

mercoledì 1 dicembre 2010

(Quasi) Natale



Presepe 2010.

San Giuseppe: Marcello Dell'Utri
La vergine: non ce n'è
Gesù Bambino: il nostro Amato Leader
Il bue: Paolo Bonaiuti
L'asino: Sandro Bondi
La cometa (che passa e va): Aldo Brancher
Le stelle: Mara Carfagna, Michela Vittoria Brambilla, Daniela Santanché, Stefania Prestigiacomo, Mariastella Gelmini, Giorgia Meloni
I pastori in adorazione: Angelino Alfano, Ignazio La Russa, Franco Frattini, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Gasparri
Gli angeli che cantano: Emilio Fede, Vittorio Feltri, Maurizio Belpietro, Alessandro Sallusti
La stalla: palazzo Grazioli (in alcune regioni d'Italia, villa San Martino; in Sardegna, villa Certosa; all'estero, la villa di Antigua)
La culla: il lettone di Putin
La mangiatoia: l'Italia
Il fieno: tutti noi
L'acqua che scorre: i nostri soldi
Le donne di Betlemme: Noemi Letizia, Ruby, Patrizia D'Addario, più molte altre, tutte con i tacchi alti
Lo scemo del villaggio: il Trota
Il gran sacerdote: Gianni Letta
I centurioni: Totò Riina, Bernardo Provenzano, Vito Ciancimino & Co.
Lo spazzino napoletano: Guido Bertolaso
Gli infedeli che sghignazzano: Gianfranco Fini, Italo Bocchino
Il suonatore di tromba: Augusto Minzolini
Gli appestati: Michele Santoro, Giovanni Floris, Milena Gabanelli, Gad Lerner, Fabio Fazio
Il lebbroso (molto contagioso): Roberto Saviano
Il cammelliere: Lele Mora
L'invasato: Antonio Di Pietro
Il senza tetto: Antonio Scajola
L'analfabeta: Umberto Bossi
Il lustrascarpe: Mauro Masi
La pescivendola: Alessandra Mussolini
Quelli che stanno a guardare: Pier Luigi Bersani e i suoi amici
La sfinge (che è lì da tremila anni): Massimo D'Alema
Il poverello: Giulio Tremonti
I re magi: Vladimir Putin, Muhammar Gheddafi, Bojko Borisov

venerdì 26 novembre 2010

Di cose importanti


Basta parlare di quello là! Basta. Occupiamoci di cose serie.

Ho fatto un giretto su internet e ho pescato una serie di informazioni che ho voglia di darvi così, in disordine. Sono cosette da tirar fuori nel corso di una cena al momento in cui c'è un silenzio e che fanno dire a tutti “ma come fai a sapere questa cosa?”.

Se uno ha detto che sabato ha ricevuto una lettera, informatelo che le poste canadesi hanno smesso di distribuire posta il sabato dal 1° febbraio 1969.
Se uno propone una partita a carte fategli notare che il re di cuori è l'unico senza baffi.
Se uno chiede che ore sono ditegli che nei casinò di Las Vegas non ci sono orologi.
Se uno parla di pittura, ricordategli che la Gioconda ha le sopracciglia depilate.
Se una è incinta di un maschio e esita tra chiamarlo Luca o Alfonso, accennate al fatto che il nome più diffuso al mondo è Mohammed.
Al momento di pagare il conto in pizzeria ricordate che fino all'800 in Siberia si poteva pagare con blocchetti di sale.
Se qualcuno cita un premio Nobel, fate notare che sul retro della medaglia del premio ci sono tre uomini nudi che si tengono per le spalle (con la s).
Se uno deve partire l'indomani in aereo per l'America, informatelo che un Boeing 747 può contenere 216.847,31 litri di carburante.
Se uno parla di musica classica, buttate lì che in un violino ci sono 70 diversi pezzi di legno.
Se uno accende un fiammifero, ricordategli che quando c'è un incendio in una foresta il fuoco si sposta più rapidamente verso la cima delle colline che verso il basso.
Se uno parla di un articolo di giornale, spiegate che più della metà dei giornali del mondo sono pubblicati negli USA e in Canada.
Se qualcuno dice qualcosa sul codice a barre, ricordate che il primo prodotto del quale fu letto il codice a barre fu un chewing-gum Wrigley's, il 26 giugno 1974 in un supermercato di Troy, Ohio.
Se uno parla di un film horror, chiedetegli se sa cos'è la tafofobia (la paura di essere sepolti vivi).
Se uno dice “beh, è ora di andare”, rammentategli che la clinofobia è la paura di andare a letto e addormentarsi.
Se uno ammette di non saper nuotare, umiliatelo spiegandogli che i porcospini galleggiano.
Se c'è un inglese o un americano a tavola, dite “the quick brown fox jumps over a lazy dog” sperando che lui non sappia che quella frase contiene tutte le lettere dell'alfabeto.
Se invece c'è uno di Pavia, ditegli “qualche notizia pavese mi fa sbadigliare”, che è la stessa cosa, ma in italiano.
Se vi servono del pollo, non esitate a stupirvi del fatto che il più lungo volo di gallina mai registrato è durato 13 secondi.
Se qualcuno dice di aver visto l'ultima punata di C.S.I., è il momento giusto per spiegare che la pipì di gatto brilla sotto la luce blu.
Se qualcuno deve andare dal dentista, ricordate che fu un dentista ad inventare la sedia elettrica.
Se fuori c'è vento, spiegate che i cammelli hanno tre palpebre per proteggersi gli occhi dai venti di sabbia.
Se uno dei presenti ama la musica country, ricordate che prima del 1796 il Tennessee si chiamava Franklin.
Se uno è ingessato, ditegli che alla nascita aveva 300 ossa, ma che da adulto gliene sono rimaste solo 206.
Se cenate con un cardiologo, accennate al fatto che sapete benissimo che il ritmo cardiaco normale è di 72 battiti al minuto, ma aggiungete soprattutto che questo vuol dire 4.320 all'ora, 103.600 al giorno, 725.200 a settimana e magari anche 37.739.520 all'anno.
Se uno parla di invecchiamento, ricordategli che con l'età i neuroni cerebrali diminuiscono.
Accidenti, avevo detto che non volevo parlare di Lui e ci sono ricascato...

giovedì 25 novembre 2010

Meno male...



Circa il 24%


Mara Carfagna: “il presidente Berlusconi ha dimostrato con fatti concreti la sua grande fiducia nelle donne portandone ben cinque al governo” (il corsivo è mio). Siccome la naturale discrezione del nostro Amato Leader ci ha sempre impedito di sapere quante donne avesse portato non al governo ma nel lettone di Putin (oltretutto pagandole, prova di grande generosità), diamo atto alla Mara nazionale delle sue cifre: effettivamente noi abbiamo oggi 5 ministri donne su 24, cioé un buon 24% virgola qualcosa.
Tanto per avere dei termini di paragone, la Francia ne ha 11 su 31 (35%), la Germania 7 su 18 (38%), la Spagna 8 su 17 (47%), la Svezia 8 su 13 (62%). Quei maschilisti schifosi che sono gli inglesi ne hanno solo 4 su 19 (17%) e naturalmente non conta che ne abbiano avuta una a capo del governo per ben undici anni.

Sempre per avere termini di paragone, ecco una lista delle donne capo di governo dal 1900 a oggi:

Evheniya Bohdanivna Bosch, Ucraina
Sirimavo Ratwatte Dias Bandaranaike, Sri Lanka
Indira Gandhi, India
Golda Meïr, Israele
Élisabeth Domitién, Repubblica Centrafricana
Margaret Thatcher, Gran Bretagna
Maria de Lourdes Ruivo da Silva Pintasilgo, Portogallo
Eugenia Charles, Dominica
Gro Harlem Brundtland, Norvegia
Milka Planinc, Yugoslavia
Benazir Bhutto, Pakistan
Kasimiera Prunskienė, Lituania
Khaleda Zia, Bangladesh
Edith Cresson, Francia
Hanna Suchocka, Polonia
Sylvie Kinigi, Burundi
Tansu Çiller, Turchia
A. Kim Campbell, Canada
Agathe Uwilingiyimana, Ruanda
Chandrika Bandaranaike Kumaratunga, Sri Lanka
Claudette Werleigh, Haiti
Hasina Wajed, Bangladesh
Janet Jagan, Guyana
Jenny Shipley, Nuova Zelanda
Helen Clark, Nuova Zelanda
Madior Boye, Senegal
Maria das Neves Ceita Batista de Sousa, São Tomé e Príncipe
Anneli Jäätteenmäki, Finlandia
Beatriz Merino Lucero, Perù
Luísa Días Diogo, Mozambico
Yuliya Tymoshenko, Ucraina
Maria do Carmo Trovoada Pires de Carvalho Silveira, São Tomé e Princípe
Angela Merkel, Germania
Portia Simpson-Miller, Giamaica
Han Myung-sook, Corea del Sud
Zinaida Grecianîi, Moldavia
Michèle Pierre-Louis, Haiti
Antonella Mularoni, San Marino
Jóhanna Sigurðardóttir, Islanda
Jadranka Kosor, Croazia
Kamla Persad-Bissessar, Trinidad e Tobago
Mari Kiviniemi, Finlandia
Julia Gillard, Australia
Iveta Radičová, Slovacchia

Vabbé, mi direte voi, ma queste sono donne capo di governo. Che c'entra? Un capo noi ce l'abbiamo già: Lui.
Tutti insieme: “Meno male che Silvio c'èèèè... lalala lalala lalala..."

mercoledì 24 novembre 2010

Ode a Berlusconi



Berlusconi non è di destra. Né di sinistra, ovviamente. Berlusconi è di centro. Di egocentro. Lo dico da egocentrico di vecchia data. Quindi da specialista. Però io non faccio il ministro. Nemmeno il primo.
Berlusconi non fa il primo ministro. Fa il primo. Sempre. E continuerà a farlo. Perché non sa fare nient'altro.
Berlusconi non fa il primo ministro per non andare in galera. Potrebbe anche voler andare in galera. Se fosse il primo ad andarci. Purtroppo non può esserlo.
Berlusconi non fa politica. Berlusconi fa. Ha sempre fatto. Per questo parla del governo del fare. Fare cosa? Non importa. L'importante è che facendo sia il primo.
Berlusconi ha sempre bisogno di dire che gli altri, gli avversari, non sono nulla. Lui solo è. Cosa? Non importa. L'importante è essere e farlo sapere. E più lo si fa sapere e più si è.
Berlusconi dice sempre che fa, ha fatto e farà cose straodinarie. Gli altri fanno cose normali. Solo lui fa cose straodinarie. La normalità è mediocre. Lui no.
Berlusconi è il presidente del partito dell'amore. Per questo gli altri lo disprezzano. Perché non sanno amare.
Berlusconi è generoso. Regala soldi, collanine e Swarovski. Fa telefonate. Organizza cene e vacanze. Fa eleggere sconosciuti. Fa regali di compleanno. Berlusconi è molto generoso.
Berlusconi sorride sempre. Meglio se davanti a una telecamera o un obiettivo fotografico. Sorride perché la vita è bella. Lui lo sa. Gli altri no. Gli altri sono altri perché non sorridono.
Berlusconi è perseguitato. Anzi è il più perseguitato. Perché è il più grande. Almeno da 150 anni.
Berlusconi ama le donne. Per questo le paga. Perché se lo meritano.
Berlusconi paga anche molti uomini. Ma li paga perché sono dei mediocri. Solo i mediocri si fanno pagare. I grandi pagano.
Berlusconi combatte la criminalità organizzata. I criminali sono dei mediocri. Per questo o li manda in galera, o li paga.
Berlusconi risolve i problemi. Sempre. Se un problema torna fuori lui lo risolve ancora. E ancora. E ancora. E poi lo fa sapere. Ancora. E ancora.
Berlusconi è molto rispettato e molto ascoltato dai grandi del mondo. Perché il più grande è lui. E loro che sono grandi lo sanno. Sanno che il più grande è lui.
Berlusconi ha cambiato l'Italia. L'ha resa uguale a lui. A sua immagine e somiglianza.
Berlusconi riesce a fare tutto quello che fa nonostante la Costituzione e il parlamento. Certo, sarebbe più semplice senza. Ma lui ce la fa lo stesso. Perchè è il migliore.
Berlusconi vorrebbe vivere fino a 150 anni. Per noi. Perché ci vuole bene. Anche se siamo dei mediocri. Perché lui è fatto così.
Berlusconi racconta barzellette. Perché è simpatico. Sì è anche il più simpatico.
Dopo Berlusconi non ci saranno più Berlusconi. Mai più. E questo è molto triste.
Berlusconi si è fatto costruire un mausoleo nel giardino della sua villa. Non voleva che fosse qualcun altro a costruirglielo. Gliel'avrebbero fatto troppo grande.

domenica 21 novembre 2010

Caro Benedetto

Benedetto

Caro (si fa per dire) Benedetto (si fa sempre per dire),
diamoci pure del tu. Facciamolo con cristiana solidarietà, anche se io cristiano non lo sono. Ovvero: tu mi consideri cristiano, visto che i miei genitori procedettero decadi addietro a quella cerimonia di umidificazione chiamata battesimo. A dire il vero a farmi sbattezzare ci ho anche pensato, ma poi mi sono detto che era cosa  che non valeva né la spesa di un francobollo, né tantomeno il tempo passato a scrivere una lettera. Ma diamoci del tu lo stesso.
Stamattina, mentre, come ogni mattina, bevevo il mio sacrosanto (scherzo...) caffé e leggevo il mio giornale, a momenti mi hai fatto andare di traverso la caffeina. Pare tu abbia scritto un libro, in collaborazione con un giornalista bavarese, tale Peter Seewald: Luce del mondo. Il Papa, la Chiesa e i segni dei tempi. Bel titolo, complimenti.
 Ora, cosa dici in questo libro? Dici in particolare: "Il Papa può prendere decisioni in ultimo vincolanti grazie alle quali diviene chiaro cosa è la fede della Chiesa e cosa non è. Il che non significa che il Papa possa di continuo produrre 'infallibilità'" (il corsivo è mio). Come sarebbe a dire? Ma l'infallibilità del papa non è un dogma approvato dal concilio Vaticano I nel 1870, qualche mese prima della breccia di Porta Pia? 
La tua frase, lo ammetto, mi ha messo la pulce all'orecchio. Così ho fatto qualche ricerca su internet e ho scoperto che l'infallibilità è valida solo quando il papa parla ex-cathedra. Figurati che ho scoperto anche che da allora un solo papa, Pio XII, si è servito di quel cavillo per proclamare un altro dogma, quello dell'assunzione "anima e corpo" di Maria. A me questo dogma è sempre piaciuto molto perché grazie a due fatti innegabili mi permette una deduzione interessante. Fatto n°1: Maria è morta, anno più, anno meno, verso il 40 o il 50; fatto n°2: nulla nell'universo può muoversi a una velocità superiore a quella della luce, ovvero 300.000 chilometri al secondo; deduzione: la mamma di Gesù si trova oggi a circa 1960/1970 anni luce dalla terra, quindi probabilmente in prossimità della nebulosa NGC 7000 (detta Nord America), che dev'essere un bel posto. 
Grazie quindi di avermi aiutato è scoprire che non tutto quel che dici è oro colato. Adesso so con certezza ciò che già sospettavo, ovvero che anche tu puoi dire minchiate.
A proposito di minchiate: c'è un'altra cosa di cui parli nel tuo libro, il preservativo (detto anche profilattico, condom, anticoncezionale, contraccettivo, berretto, cappellino di Pulcinella, impermeabile, cappottino, cappuccio, giubbetto, vestitino, camicetta, palloncino, papalina, bottiglietta dell'anice, poggiolo, profiterol, parasburre, Giannetto, Giannuzzo, ecc.). Secondo te (e questa è una novità) “vi possono essere singoli casi giustificati” nei quali il coso può essere usato, ad esempio quando lo utilizza una prostituta. Infatti, continui, questo può essere “un primo passo verso una moralizzazione, un primo atto di responsabilità per sviluppare di nuovo la consapevolezza del fatto che non tutto è permesso e che non si può fare tutto ciò che si vuole” (il corsivo è sempre mio, non farci caso). A parte lo stile del discorso, scusa, ma a te chi l'ha detto che una prostituta è una che pensa che si può fare tutto ciò che si vuole? Non ti è mai ma proprio mai venuto in mente che se una fa la prostituta magari è proprio perché non è riuscita a fare quello che voleva? O credi che se si veste da velina pre-ministeriale per andarsi a mettere sul bordo di una provinviale e poi farsi fottere dal primo pirla che passa è perché è ciò che ha sempre voluto fare fin da piccola? Sveglia, Benedetto, sveglia! Se c'è una cosa di cui una prostituta è convinta è proprio che una non può fare sempre quello che vuole. O no?
Mi sa che il tuo scivolone è dovuto alla mancanza di esperienza. E ormai alla tua età è un po' tardi per far esperienza, mi dirai. Certo. Ma allora, scusa, perché non te ne stai un po' zitto su queste cose delle quali non puoi oggettivamente capire una mazza?
Cordiali saluti.
Massimo Schuster

giovedì 18 novembre 2010

Lettera a Barbie

Barbie Nadeau

Cara Barbie Nadeau,
ma come si permette? Lei, autorevole giornalista dell'autorevole (anche se sul bordo della bancarotta) Newsweek, nonché collaboratrice delle non meno autorevoli BBC e CNN e dei magari un po' meno autorevoli Delty Sky Magazine, Budget Travel, Frommer's and Globe Pequot Press, Daily Beast, NPR, NBC e ABC, come si permette di dire del male del nostro Amato Leader? Ma scherziamo?
Lei ha osato dire che un'innocente trasmissione di divertimento come Striscia la notizia è un'espressione “del marciume ormai manifesto ai vertici del governo italiano”; che le donne sono “addobbi da vetrina” per il nostro Silvio nazionale; che il nostro Premier agisce come “un vecchio sporcaccione”. Eh, no! Non si fa così.
E poi, scusi, cos'è quella storia secondo la quale il nostro Amato Leader controllerebbe il 95% della nostra televisione? Ma non sa che la RAI è di sinistra? Ma se lo sanno tutti!...
Come osa dire che l'Italia è al 74° posto nel mondo (dopo la Colombia, il Perù e il Vietnam) nella classifica del World Economic Forum dei paesi che trattano meglio le donne? Ma non sa che dietro la sigla WEF si nasconde in realtà il World Economic Communist Organisation? Come sarebbe l'acronimo non è giusto? Ma è perché quelli lì si nascondono dietro un acronimo falso, perché i comunisti sono così, falsi come monete da tre euro!
Senta, lei mi sembra anche abbastanza carina. Secondo me una speranza di essere invitata a una cenetta ad Arcore ce l'ha. Poi, si figuri, col nome che ha!... Vabbé, i diciassette anni li ha passati da un pezzo, ma cosa vuol dire? Un po' di cerone, un po' di silicone e via col bunga bunga!
Guardi, non è che voglia farle la lezione, però il giornalismo è una cosa seria. Lei, se scrive cose del genere, poi deve dare a chi attacca la possibilità di difendersi. Lo so, il nostro Amato Leader è uno troppo discreto per esigere un diritto di risposta. Cosa vuole? È fatto così. Ma allora mi permetta di dirle io che quello che lei chiama marciume è solo la sana espressione di un innato amore per le donne.
Mi viene un dubbio. Lei non sarà mica gay per caso? No, lo chiedo perché non si sa mai. Comunque, guardi, anche se è gay, non si preoccupi: vada ad Arcore e vedrà che le passa. Vedrà che incontrando uno come il Silvio capirà anche lei che gli uomini sono molto meglio. E stia tranquilla, ché nessuno le rimprovererà poi gli errori del passato.
Come dice? Lei vive a Roma? Ma non c'è problema: le mandiamo una macchina blu e un aereo privato. E sennò, se le fa proprio scomodo andare ad Arcore, la cosa si può fare anche a palazzo Grazioli, nel lettone di Putin. Su, coraggio, vedrà che poi starà meglio. E chissà mai che il il capo, oltre a qualche migliaia di euro e  a due o tre Swarovski non le offra anche un posto di collaboratrice al Giornale. Così poi potrà fare il caffé per Sallusti.
Cordiali saluti.
Massimo Schuster

martedì 16 novembre 2010

Di un po' di democrazia

Pericle


Come avevo previsto (vedi blog precedente), grazie al fulgido impegno di Mauro Masi la seconda puntata di Vieni via con me ha avuto più telespettatori della prima. Io l'ho trovata anche migliore, nonostante la debolezza dell'intervento di Paolo Rossi. Ho soprattutto trovato Saviano migliore, più combattivo, più chiaro, più interessante. E Maroni si è incazzato e adesso chiede di essere invitato per rispondere in diretta a Saviano a proposito degli affari nei quali esponenti della Lega Nord hanno collaborato con dei camorristi.
Io spero davvero che Saviano lo inviterà. Lo spero innanzitutto perché il diritto di replica è sacrosanto. Lo spero poi perché mi piacerebbe davvero vedere Maroni in difficoltà. Ma lo spero soprattutto perché quella sarebbe una meravigliosa lezione di democrazia.

Un'altra bellissima lezione è venuta nei giorni scorsi dal sindaco di Acquaformosa, paesino di 1200 anime in provincia di Cosenza. Giovanni Manoccio, ché così chiama il sindaco, si era fatto conoscere l'anno scorso per aver dichiarato Acquaformosa “comune deleghistizzato”. Il consiglio comunale aveva anche approvato un “decalogo sui comportamenti da tenere in un paese deleghistizzato” che riproduco qui:
  • Nel nostro paese non togliamo le panchine per gli immigrati, anzi le dotiamo di cuscini
  • Nel nostro paese non disinfettiamo i luoghi dove vivono gli immigrati: i nostri luoghi sono puliti naturalmente (cit. Borghezio)
  • Nel nostro paese è vietato scrivere "forza Etna" o "forza Vesuvio": è consentito scrivere "fate l'amore, non la guerra" (cit. Pontida)
  • Nel nostro paese è vietato fare gli esami di dialetto per l'insegnamento nelle scuole: basta l'esame di abilitazione nazionale
  • Nel nostro paese non sono ammesse le ronde: è consentito il libero passeggio e le "struscio"
  • Nel nostro paese sono abolite le magliette con scritte offensive verso l'Islam: meglio essere nudi che cretini (cit. Calderoli)
  •  Nel nostro paese non si possono cantare le canzoni che inneggiano alla "monnezza di Napoli: si può cantara "O sole mio" (cit. Salvini)
  • Nel nostro paese  non occorre affermare di avercelo duro: tutti lo sanno già (cit. Bossi)
  • Nel nostro paese non si può gridare "Roma ladrona": si può cantare "Roma capoccia (cit. Maroni)
  • Nel nostro paese Alberto da Giussano è ritenuto un dilettante al cospetto del nostro Giorgio Castriota Skanderbergh 
Per quei pochi  che non conoscessero i dettagli della storia dell'Albania preciso che Skanderbergh (o Skanderbeg) era un patriota albanese del '400 e che la presenza del suo nome nel decalogo è giustificata dalla forte minoranza albanese presente a Acquaformosa. (Preciso pure, anche se non c'entra niente, che in via Skanderbeg a Roma c'è un bellissimo museo della pasta che consiglio a tutti di visitare).  
All'uscita del decalogo l'allora ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia, leghista doc, aveva definito il sindaco "demente" e gli aveva consigliato di andare a "depurarsi nelle acque del Po" (che, come tutti sappiamo, sono peraltro pulitissime). 
Ora, che ha fatto quel galantuomo di Giovanni Manoccio? Ha scritto a Zaia, novello governatore del Veneto, per dirgli: 1) che devolveva il suo stipendio di sindaco agli alluvionati veneti e 2) che aveva messo in Comune un bel salvadaio in modo che la popolazione potessere aggiungere altri soldi destinati allo stesso scopo.
Ecco, queste sono belle cose, di quelle che mi fanno addormentare meglio alla sera. E se Saviano invitasse Maroni mi sa che anche Pericle sarebbe più contento.

sabato 13 novembre 2010

Masi, sei grande!

 Un grande

Sono in molti oggi a dirsi che Mauro Masi, direttore generale della RAI, è proprio un bamba, un sifolott' de menta, un pistola Amedeo dell'Alfa Romeo, un mentecatto, uno che dovrebbe andare a vendere frigoriferi agli esquimesi o caloriferi ai togolesi, un allocco, un gonzo, un babbeo, un'oca. Se uno aveva dei dubbi sul fatto di guardare la prossima trasmissione di Fazio e Saviano adesso come fa? Non può mica non guardarla.
Sono in molti a chiedersi come uno possa darsi la zappa sui piedi con tanta goduria come lo fa il Masi. Ve l'immaginate una campagna pubblicitaria più efficace e più a buon mercato di questa? Come si fa a essere tanto sprovveduti? Ma è mai possibile?

No, per l'appunto, non è possibile. In realtà le cose non stanno così. In realtà Masi è un anti-berlusconiano convinto. È uno così intelligente che da anni fa credere a tutti (Amato leader compreso) di essere berlusconiano e poi al momento opportuno, zac!, ti tira fuori un'idea di marketing così geniale da far salire l'audience di Vieni via con me a livello di un'Italia-Brasile. Se ci pensate bene è evidente: il buon Masi adora Fazio e Saviano, li venera, li vuole, li ama. Per questo fa di tutto per aiutarli, perché, siccome loro sembrano anti-berlusconiani, lui, facendosi passare per berlusconiano, zac!, fa capire a tutti quanto i berlusconiani siano stupidi. Grande Masi! Sei il mio nuovo idolo. Quando penso agli anni che hai dovuto soffrire per infiltrarti subdolamente, giorno dopo giorno, nelle file nemiche; quando penso alle umiliazioni e ai lazzi che hai dovuto subire; quando penso alle rinunce e ai sacrifici che un misero stipendio non ha alleviato; quando penso a tutto questo non posso che provare per te un immenso rispetto. Sei lo 007 dell'audiovisivo, l'Oleg Gordievskij della RAI, il Mata Hari del piccolo schermo, il Cicero di Viale Mazzini.
Come disse Robert Schumann dopo la prima volta che ascoltò Chopin in concerto: Signori, giù il cappello, ecco un genio!